Archivi tag: polizia

Blue Whale Challenge: Ecco i consigli della polizia

Blue Whale Challenge: Ecco i consigli della polizia

 

Tutto questo, le “regole“, l’autodistruzione, su cosa agiscono di preesistente? I giovanisobillati da veri e propri criminali sui social, decidono di accettare 50 sfide, sempre più estreme, che li trasformano e li portano fino alla depressione. Pare che la giovane, adescata sul web da qualche tutor del giocoonline, avesse già fissato la data del suo suicidio. La ragazza aveva anche postato su Instagram l’immagine del tatuaggio di una balena inciso col rasoio, prima di cancellarlo. Per l’Istituto Nazionale della Salute, le cause sarebbero da ricercare nell’alto tasso di abuso di alcool in questa nazione; infatti il numero di suicidi è calato nello stesso momento in cui è diminuito il consumo di alcool pro capite, nonostante la crisi economica in scena da quel momento a oggi.

Il primo tra i messaggi allarme Blue Whale Challenge più condivisi su WhatsApp recita: “ATTENZIONE Il Blue While sta girando anche su WhatsApp non è uno scherzo, se vi contatta e vi esce una chat con scritto ‘blue while’, non rispondete perché basta una sola parola e ti minacceranno e assilleranno fin quando non starete al gioco e vi blocca scheda e cellulare, ma se non rispondete vi lascerà in pace… passate parola!” Potete trovare anche troppe informazioni in rete, e ci auguriamo che sappiate discernere la realtà dalla bufala, il giornalismo dal sensazionalismo. “Alcune delle segnalazioni parlano di più persone: un gruppo o un’intera scolaresca”.

Gli effetti della balena sulla gente.

.

Il fenomeno del Blue Whale, reso noto il mese scorso da un servizio delle Iene, continua a restare al centro dei riflettori. In attesa che, in un futuro neppure troppo lontano, magari questa non diventi proprio una precisa figura professionale a sostegno dei genitori sempre meno esperti. Questo dettaglio ha fatto sì che numerosi blog e testate fossero accusati dai lettori di pubblicare notizie imprecise (come se i suicidi non fossero mai avvenuti), allontanando l’attenzione sul reale scopo di tali articoli, ovvero quello di allertare per prevenire altre follie.

Per chi non lo sapesse, la Blue Whale Challenge è una sfida nata nell’ultimo periodo sui social e che molto probabilmente arriva dall’Europa dell’Est.

Parlate con i figli: dialogate con loro dei temi della sicurezza in rete e di ciò che di losco può esserci nel deep web.

Un gioco della morte, un’escalation di violenza contro se stessi. “Siamo intervenuti – ci ha detto una persona informata della situazione – immediatamente”. Eppure una bufala che rischia di essere molto, molto pericolosa: Blue Whale, balena blu, un assurdo gioco nato in Russia che circola on line, che prevede una serie di prove di coraggio e che porterebbe i giovani ad atti di autolesionismo, fino al gesto estremo del suicidio. Ma cosa attrae attrae di un gioco così masochista? “Anche perché si tratta di un fenomeno emulativo e quindi ad altissimo rischio”.

Con ciò, per me è più interessante l’aspetto simbolico del fenomeno Blue Whales. “Meglio un allarme infondato che un allarme non lanciato”.